Riapertura MAC di Gibellina

Ha riaperto il 22 luglio il MAC di Gibellina, restituito alla collettività dopo un complesso riallestimento che ne ridisegna interamente gli spazi, consentendo così l’esposizione di oltre 400 opere, di gran lunga un numero maggiore di quello che conteneva prima della chiusura, seppure insufficiente all’esposizione dell’intera collezione, una delle più ampie d’Italia. Un progetto di recupero e restauro in collaborazione con varie istituzioni che hanno permesso oggi di riconsegnare al pubblico un museo en plein air unico al mondo. Pittura, sculture, grafica, fotografie e maquette delle grandi opere di Gibellina Nuova e del Cretto di Burri, suddivise in otto sezioni che segnano il percorso espositivo storico-cronologico, dal primo ‘900 alle ultime Avanguardie. E raccontano una storia contemporanea della rinascita nel segno dell’arte. Inoltre un bookshop specializzato in editoria d’arte e una caffetteria che sta nascendo all’interno dello spazio consultazione e della biblioteca Su impulso del Comune di Gibellina, su progetto museologico di Tanino Bonifacio e allestimento di Alessandro Becchina, il MAC Museo d’arte contemporanea Ludovico Corrao – intitolato proprio a quel sindaco illuminato che, in seguito alla tragedia del terremoto si fece promotore della rinascita del territorio attraverso l’arte –  è sostenuto dal Ministero della Cultura, dalla Presidenza della Regione Siciliana, dalla Presidenza dell’Ars, dagli assessorati regionali al Turismo e ai Beni culturali e all’Identità siciliana e dalla Fondazione Orestiadi ed è inserito nella Rete Museale Belicina.

Sono presenti opere, tra le tante, di Fausto Pirandello, Beniamino Joppolo, Antonio Corpora, Carla Accardi, Piero Dorazio, Pietro Consagra, Achille Perilli, Tano Festa, Toti Scialoja, Franco Angeli, Giulio Turcato, Mimmo Rotella, Mimmo Paladino, Enzo Cucchi, Turi Simeti, Mimmo Jodice, Renata Boero, Christo, Pino Pinelli, Emilio Isgrò, Luca Patella, Nino Mustica, Claudio Verna.  

Sono esposti i “Prisenti”, i drappi cerimoniali ricamati dalle donne di Gibellina su disegno di Carla Accardi a Renata Boero, Nja Mahdaoui, Carlo Ciussi e Giuseppe Santomaso

MAC, Museo d’Arte Contemporanea Ludovico Corrao
Via Segesta, 1
91024 Gibellina (TP)
Apertura dal martedì alla domenica 
9.30-13.30 e 16-20
Biglietto 7 euro, ridotto 5 euro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *